BONIFICA AMIANTO- ASBESTO

In grado di debellare il pericoloso materiale, letale per l’uomo ma anche del suo portafoglio

Dal 1992 l’Italia ha messo al bando l’amianto, un materiale particolarmente pericoloso per la salute umana poiché causa scatenante di patologie come l’asbestosi, il mesotelioma pleurico, il carcinoma polmonare.

A tal proposito i detentori di manufatti contenenti amianto (MCA) sono soggetti all’obbligo di censimento degli edifici in cui risulta presente.

C’è da aggiungere che l’amianto si può trovare ovunque. Ad esempio nelle canne fumarie e comignoli, tubazioni anche dell’acqua potabile o negli scarichi e fognature, piastrelle e tegole, vasche, cassoni e serbatoi idrici, gronde.

Qualora si ravvisasse la sua presenza diventa necessario per il proprietario l’attuazione di un programma di controllo e manutenzione cosicché l’esposizione degli occupanti dell’edificio in questione venga ridotta al minimo.

«Tale programma – si legge al sito web www.asl.milano.it – implica mantenere in buone condizioni i manufatti contenenti amianto, prevenire il rilascio e la dispersione secondaria di fibre, intervenire correttamente quando si verifichi un rilascio, controllare periodicamente le condizioni dei materiali contenenti amianto».

E in questo senso, in estrema sintesi, si dovrà:

  • Designare una figura responsabile che abbia in carico il controllo e coordinamento delle attività manutentive
  • Essere in possesso della documentazione che indichi la precisa ubicazione dell’amianto
  • Fornire informazioni dettagliate agli occupanti dell’edificio circa la sua presenza, sui rischi ad esso correlati e sulle azioni da svolgere

Nel momento in cui la gravità della situazione sia concreta, tanto da richiedere un intervento di bonifica, si procederà con una delle seguenti metodiche:

  • Eliminazione della fonte di rischio (rimozione)
  • Cospargere il materiale pericoloso con prodotti che lo ricoprano (incapsulamento)
  • Installazione di barriere che isolino l’inquinante dall’ambiente (confinamento)

Le lavorazioni, che devono essere affidate a mani esperte, riguardano amianto sia in matrice compatta che friabile e seguono fedelmente le norme di legge vigenti, comprese quelle sullo smaltimento speciale in apposite discariche autorizzate.

Va da sé che la bonifica prevede un elevato sforzo economico da parte del proprietario, perché lo stesso nella maggior parte dei casi tende a sottovalutare il problema, almeno finché non assume carattere obbligatorio e urgente. La prevenzione non è perciò soltanto importante, ma decisamente meno dispendiosa.

I nostri lavori

Clicca sul pulsante per richiedere, senza alcun impegno, un preventivo completamente gratuito. Evaderemo una risposta puntuale ed esaustiva in 24 ore
Preventivo
Iscriviti alla nostra newsletter, riceverai direttamente in e-mail news e aggiornamenti sul mondo condominio, realizzati da un pool di professionisti di settore
Iscriviti