Sicurcond ha effettuato un nuovo intervento a Milano, bloccando le infiltrazioni d’acqua fuoriuscite in un box.

Gli operai specializzati di Sicurcond sono intervenuti risolvendo il problema dell’infiltrazione dell’acqua grazie alle resine idroreattive e idroespansive, una tecnologia che arresta l’acqua mediante un processo rapido e innovativo. Le resine sono state iniettate nel muro e, una volta entrate in contatto con l’acqua, si sono espanse gradualmente: aumentando il loro volume hanno sigillato ermeticamente tutte le fessure e le crepe presenti nella struttura, risalendo a ritroso tutto il percorso dell’acqua. In questo modo è stato sigillato il punto di origine dell’infiltrazione: l’acqua non avrà più la possibilità di farsi strada altrove.

Il lavoro, come ogni operazione Sicurcond di questa tipologia, si è svolto in modo rapido e non ha richiesto cantierizzazioni, demolizioni o scavi. Già alla fine dell’intervento il locale era agibile.

Le resine idroreattive e idroespansive vengono utilizzate da anni nelle grandi opere (come metropolitane, dighe, tunnel) ma, grazie ai prezzi diventati più competitivi e quindi più accessibili, oggi possono essere utilizzate anche in contesti privati, ad esempio per risolvere i problemi legati all’acqua nei locali interrati dei condomini, come box e cantine.

L’utilizzo delle resine idroreattive e idroespansive è ideale su strutture in calcestruzzo e in laterocemento, su lastre predalles (pannelli prefabbricati in calcestruzzo), nonché per le fosse degli ascensori.

Ogni intervento di questo tipo è coperto da una garanzia di cinque anni e da una polizza assicurativa postuma di due anni sulla lesione trattata.